L'impianto produttivo di Savema si sviluppa su un'area di 75.000 m2 ed è situato in un località geograficamente molto favorevole, vicino alle cave di Carrara e ad importanti mezzi di comunicazione (15 Km dal Porto di Carrara, 40 Km dal Porto di Livorno).

In questo stabilimento sono presenti macchinari e tecnologie in grado di garantire una produttività mensile pari 60.000 m2 di lastre e 30.000 m2 di lavorati. Savema dispone internamente di macchine e organizzazione capaci di seguire ogni fase del processo della lavorazione lapidea, dalla segagione del blocco fino alla finitura a mano dei pezzi tagliati a misura.

I processi sono organizzati nei seguenti reparti produttivi:

  • Segheria marmo
  • Segheria granito
  • Rinforzo e stuccatura lastre
  • Lucidatura e altre finiture superficiali
  • Taglio, lavorazioni su masselli
  • Lavorazioni per ancoraggi e Rifinitura a mano
  • Imballo e spedizioni
  • Piazzali e logistica

Innovazione tecnologica proprietaria

Uno dei fattori strategici di Savema è il suo profondo legame con alcuni "produttori chiave" di macchine per la lavorazione lapidea. Con questi fornitori, negli anni, sono state sviluppate forti sinergie grazie alle quali è stato possibile realizzare veri e propri prototipi di macchinari con tecnologie innovative, progettati con il nostro aiuto e testati nel nostro stabilimento dal nostro esperto staff tecnico.

Nel settore delle nuove tecnologie, abbiamo sviluppato una delle prime linee al mondo per il risanamento blocchi con sistema sottovuoto/pressione (leggi l'articolo pubblicato in merito dalla rivista internazionale Stone World) Questo processo consente di rinforzare con incamiciatura di fibre sintetiche miste a resine epossidiche, blocchi di marmo con elevata difettosità, permettendone la segagione senza problemi di rotture delle lastre sotto il telaio.

LINEA DI TAGLIO A CONTROLLO NUMERICO

Inoltre, da pochi mesi è stata introdotto in azienda un nuovo prototipo di linea di taglio a controllo numerico per realizzare dalle lastre pezzi con forme geometrie non rettangolari (triangoli e poligoni complessi) in maniera automatica, ottimizzando lo sfruttamento della lastra e riducendo sfridi di materiale. La macchina è dotata di un sistema innovativo a ventosa per la movimentazione dei pezzi tagliati, integrato nella macchina e indipendente dal movimento delle teste di taglio.